Drama: il dietro le quinte

Come nasce un drama Corea del Sud

Vi siete mai chiesti come nasce un drama? Quali sono le fasi del processo creativo che portano dall’idea iniziale, quella da cui prende vita la sceneggiatura, alla realizzazione sullo schermo?

Che cosa stimola la creatività di uno sceneggiatore? E quanto può arrivare a guadagnare un attore coreano?

Vediamo di rispondere a queste e altre domande!

Come nasce un drama

I drama originariamente erano prodotti dai canali televisivi. Facendo un paragone con la nostra televisione, mi viene in mente il celeberrimo Don Matteo, longeva serie TV prodotta dalla Rai, in collaborazione con Lux Vide.

Le cose hanno iniziato a cambiare a partire dagli anni 2000, quando i drama sono stati per lo più affidati a società di produzione indipendenti. Dal 2012, i tre quarti circa di tutti i drama coreani vengono prodotti in questo modo.

La concorrenza tra le società di produzione indipendenti è a dir poco feroce!

Ji chang Wook behind the scenes

Costi di produzione e product placement

Solitamente, i costi di produzione di un drama sono divisi tra la società di produzione e l’emittente televisiva.

Se nel cast sono presenti kstar e sceneggiatori famosi, i costi salgono esponenzialmente. Come si arriva a coprirli per intero, dunque?

L’eccedenza è coperta dalla società di produzione, il più delle volte con l’assistenza degli sponsor: ecco perché spesso vediamo prodotti di bellezza, bottigliette, cellulari, gioielli e integratori pubblicizzati nei kdrama.

Avete presente King the Land? Oltre che per la storia romanticissima, la bellezza di Junho e i baci appassionati, il drama si è distinto per l’uso smodato del product placement. Lunghi primi piani su orologi e brand di lusso hanno reso le puntate più simili a degli spot che a una serie TV.

Quanto guadagna un attore coreano?

In Corea, i cachet degli attori possono assorbire fino al 55-65% dell’intero budget. Per farci un’idea: in Giappone gli attori prendono il 20-30% del budget, mentre a Hollywood non superano il 10%.

Le kstar vengono solitamente pagate dopo la messa in onda dell’ultimo episodio e possono guadagnare fino a $ 100.000 a puntata. Pensate che Bae Yong-joon, la star di Winter Sonata, nel 2002 arrivò a percepire la cifra record di 250.000 $ dollari per episodio!

Crazy Handsome Rich, le kstar più pagate

Volete sapere quali sono i 10 attori coreani più pagati di tutti i tempi? In questo video vi do la classifica, dalla decima alla prima posizione!

Ci sono alcuni attori ‘insospettabili’ e ne mancano altri che forse ci saremmo aspettati di trovare… ma d’altra parte la classifica è stata stilata non in base ai guadagni per drama o puntata, ma in base a quelli complessivi da inizio carriera!

Trovate il contenuto originale qui:

Lettura del copione e riprese

Generalmente, le riprese iniziano qualche mese prima della messa in onda del drama.

Tuttavia drama in cui siano presenti effetti speciali, riprese in esterna molto complesse o scene di battaglia su larga scala, richiederanno molti mesi di preparazione e lunghi preparativi.

Viene scelto il cast, il quale si riunirà in quella che è una fase cruciale nel processo di creazione di un drama: la lettura pubblica del copione. Qui, gli attori hanno la possibilità di conoscersi, interagire e imparare a familiarizzare con i propri personaggi.

Il sistema delle riprese è serratissimo sia per il team di produzione, sia per gli attori. Non solo, infatti, i tempi delle riprese sono stretti, ma i cambi di sceneggiatura dell’ultimo minuto e le stesse sceneggiature ricevute pagina per pagina rendono le condizioni di lavoro piuttosto stressanti.

Vi porto un esempio. L’attore Joo Won ha affermato che nel suo drama di successo Yong-pal ha dovuto girare ininterrottamente per 2 giorni senza mai dormire.

Drama e creatività

Gli sceneggiatori coreani sfornano oggi sempre più drama, soprattutto per andare incontro alla crescente richiesta dei numerosissimi fan. Ma che cosa stimola la loro apparentemente inesauribile creatività?

Lo ha confessato recentemente uno sceneggiatore: mentre in passato gli scrittori coreani si limitavano a raccontare storie che sapevano avrebbero attratto il pubblico sudcoreano, adesso sono stimolati dal successo globale. La loro audience, infatti, è internazionale e il successo – lungi dal diminuire – sembra aumentare giorno dopo giorno.

Questo dà loro la possibilità di sbizzarrirsi con una più ampia varietà di storie e generi, che sanno potranno piacere anche all’estero.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *