Fidanzarsi con un coreano: gli aspetti positivi

Incontrare l'amore in Corea del Sud appuntamenti

Nei miei articoli ho sempre sostenuto che i kdrama avessero creato in noi appassionate delle aspettative irragionevoli (specie qui, dove vi racconto com’è davvero uscire con un coreano). Tuttavia c’è un’eccezione alla regola, ed è quando si instaura una vera e propria relazione. In quel caso – fermo restando che molto dipende dal temperamento della singola persona – fidanzarsi con un coreano ha delle caratteristiche diverse da quelle a cui siamo abituati noi italiani, e ora cercherò di fare chiarezza.

Tenete presente che si tratta sempre di generalizzazioni, e che tutto si basa sulla mia esperienza personale.

Cosa significa ‘fidanzarsi con un coreano’? Quali sono gli aspetti positivi e gli step fondamentali che attraversa la relazione? Che cosa comporta in termini pratici? Scopriamolo assieme!

La chiarezza delle intenzioni

Se c’è una cosa che io ho adorato fin dal principio qui in Corea del Sud, è stata l’assoluta chiarezza delle intenzioni. Le persone non girano intorno alle cose: sono sfacciatamente dirette. Dal tipo che al primo appuntamento mi ha portato davanti all’hotel per una notte d’«amore» al mio attuale ragazzo, che si è comportato come un gentleman, è impossibile fraintendere.

Se un uomo coreano è interessato a una relazione seria, non si sfugge alla regola dei 3 appuntamenti. Ammetto che credevo fosse una leggenda metropolitana, invece no. Ci si vede e si organizzano pranzi e cene per tre volte (in cui non ci sarà alcun contatto fisico).

L’uomo, poi, cercherà di organizzare tutto prima dell’appuntamento. I coreani, infatti, non amano lasciare le cose al caso. Oltre a cercare il posto giusto dove incontrarsi, i coreani preparano in anticipo gli argomenti di cui parlare durante l’appuntamento successivo. Potrà sembrare un’esagerazione, una mancanza di spontaneità. In realtà è un modo molto bello di esprimere interesse e cura verso di noi.

Tra un appuntamento e l’altro, il ragazzo manterrà un contatto tramite KakaoTalk. Scriverà messaggi non troppo intimi, ma gentili e premurosi. Più che altro – per mia esperienza – lo farà per ‘testare’ il nostro grado di coinvolgimento. Se vede che noi continuiamo a rispondere, lo prenderà come un segno che siamo interessate, e si sentirà più sicuro una volta arrivato il momento di dichiararsi.

Il momento della dichiarazione

Avete presente i millemila kdrama in cui i due main leads passeggiano per strada e a un certo punto lui, un po’ titubante, afferra la mano di lei? I due poi proseguono e camminano con le mani intrecciate senza dirsi una parola. Ecco, nella realtà avviene proprio così.

Nel mio caso, noi due eravamo in metropolitana. (Scoprirò solo a posteriori che lui si stava tormentando da un’ora su quale fosse il momento giusto per prendermi la mano). La metropolitana a un certo punto frenò – non si può dire bruscamente, ma quel tanto che basta per farmi oscillare. Fu quello l’attimo che lo fece decidere: senza che neanche me ne accorgessi, mi trovai catapultata nel mio «Giorno 1».

Relazione con un coreano coppia mista italo-coreana

Ecco, con la skinship scatta la relazione. Ma non dovete immaginarlo voi, interpretando segnali di fumo, messaggi subliminali, linguaggio del corpo e geroglifici. Sarà lui a dirvelo in modo schietto affinché niente sia equivocabile.

Devo ammettere che per noi occidentali, abituati a relazioni poco chiare che si trascinano per mesi in direzioni che nessuno sa o vuole definire; in cui la parola ‘impegno’ è stata bandita e si preferisce rimanere in una zona grigia piuttosto frustrante, il «modo coreano» di affrontare le relazioni potrà sembrare troppo irruente. Io l’ho trovato pragmatico, efficace e molto rilassante.

Ci si impara a conoscere, si scoprono cose l’uno dell’altro, ci si prende le misure poco a poco – ma lo si fa all’interno di una relazione seria ed esclusiva. Il che per me è un aspetto del tutto positivo.

Un contatto costante: il cellulare è il vostro migliore amico

Anche questa credevo fosse una leggenda metropolitana, ma non la è. Dovete essere tipe un po’ romantiche e anche un po’ appiccicose per apprezzare la cosa (e io la sono…), ma una volta entrati in una relazione i coreani hanno un rapporto molto esclusivo con il loro cellulare.

Diciamo che se decidete di iniziare un rapporto con un coreano, si tratterà di una relazione a tre: lui, voi e lo smartphone. Dal buongiorno del mattino fino alla buonanotte, lui vi scriverà continuamente chiedendovi se avete pranzato, se avete freddo caldo come state come sta andando la giornata – e via discorrendo. Emoji, cuori e frasi romantiche si sprecano.

E’ quello che io ho sempre sognato. Ma, sì, questo genere di contatto costante e molto sdolcinato deve piacere…

I coreani amano (mostrare di) essere in coppia

Anche se la skinship in pubblico non è il loro punto forte, e si limita a un pudico mano nella mano, ci sono molti modi in cui i coreani amano mostrare di essere in coppia. E gli piace farlo perché fondamentalmente amano essere all’interno di una relazione.

Relazione con un coreano abiti di coppia abbinati

Ad esempio, lo fanno scaricando App che contano i giorni della relazione, per poter poi celebrare le tappe fondamentali del rapporto (qui spiego il significato dei 100 Giorni). Lo fanno indossando anelli o accessori di coppia. Oppure ancora vestendo abiti abbinati – l’ho visto con i miei occhi per le strade di Seoul. O facendosi selfie ‘super-cute’, il più delle volte con le mascherine addosso!

I coreani sono iper-protettivi

Quest’ultimo punto è forse il più controverso, ma ugualmente rientra per me negli aspetti positivi. Anche se – come nel mio caso – si sta vivendo un ‘noona-romancel’uomo coreano è iper-protettivo nei confronti della sua donna. Questo significa che la vede come una bambina da coccolare, proteggere e difendere.

Capisco bene che questo rappresenta un vera e propria barriera culturale tra mondo Occidentale e mondo Orientale. Molte donne (occidentali) potrebbero dire che non hanno bisogno di un uomo per essere protette e difese, e in linea di principio sono d’accordo. Ma io la vedo così: sono a tal punto pacificata con la mia femminilità che non devo affermare il mio potere di donna in ogni contesto con forza e decisione.

Posso concedermi questa magnifica oasi di pace che è la mia relazione, nella quale vengo trattata con amabilità, cura e sensibilità. E, sì, talvolta anche come una bambina. Proprio come una bambina mi permetto di giocare e guardare al futuro con speranza. Per me è rasserenante, e mi consente di tirar fuori la dolcezza che c’è in me.

Ecco, questi erano gli aspetti positivi dell’essere in coppia con un uomo coreano. Voi cosa ne pensate? Credete che le barriere culturali possano essere superate o alla lunga siano insormontabili? A presto con nuovi contenuti!

Altri articoli a tema Coppie Internazionali

Segui le mie Rubriche Social

12 risposte a “Fidanzarsi con un coreano: gli aspetti positivi”

  1. Ho sempre sognato un rapporto così. Soprattutto per la chiarezza di intenti 🙂 Qui da noi è sempre tutto così “ipotetico” nelle relazioni amorose. Quante volte mi sono costruita castelli in aria per aver frainteso determinati atteggiamenti. Ho sempre amato l’essere diretti. Io lo sono sempre stata. Posso dire che ho fatto quasi sempre io il primo passo per sciogliere ogni dubbio perchè io detesto il restare in quel limbo che mi mette ansia. Ecco, dovrei tornare indietro di 30 anni e farmi un viaggio in Korea 😀

    1. Anche io ho sempre detestato quei rapporti che non andavano da nessuna parte… e per questo sono rimasta single per ‘ere geologiche’.
      Direi che ne è valsa la pena! 😉

  2. Questo sarebbe il mio acquario…. Ho sempre inseguito una relazione così….. Trovare qualcuno che si occupi di te con dedizione e spontaneità, che questo sentimento duri nel tempie non sia dettato solo dall inizio del rapporto, come spesso succede.. Quando qualcuno ti fa sentire protetta e al sicuro, sapendo che se nei suoi pensieri come lui è nei tuoi è cosa rara e chi c’è l’ha ne faccia tesoro…. ☺️☺️☺️☺️☺️☺️

    1. Penso sia il sogno di tanti… e hai detto bene: che non sia dettato solo dall’inizio, ma duri nel tempo è la magia più rara.

  3. In molti kdrama ho notato che la donna in una relazione di coppia è soesso sminuita, sembra sopraffatta dal volere del suo compagno. Questo mi fa sorgere qualche dubbio, perché noi italiane siamo abituate ad avete un rapporto più paritario. Ovviamente è indiscutibilmente bellissimo ricevere attenzioni da parte del proprio partner, a patto che non sia in discussione l’uguaglianza nel rapporto stesso… auguri a te, che bello poi ce lo farai conoscere?

    1. Questo è un argomento complesso che merita sicuramente un articolo a sé.
      Per quella che è la mia esperienza, la Corea del Sud è sicuramente un Paese ancora prevalentemente maschilista, in cui però nelle famiglie tende a comandare la moglie.
      Se mi chiedi come mi sento io nel rapporto di coppia – almeno per ora – ti direi su un piedistallo, con tutti i pro e i contro che questo comporta. Non sono infatti tanto ingenua da pensare che ci siano solo lati positivi.
      Poi mi chiedo, un po’ provocatoriamente: ma in Italia c’è davvero parità nei rapporti?
      Osservazione molto interessante la tua!

  4. Vivo da 10 mesi un’esperienza meravigliosa con un uomo koreano ….non siamo giovanissimi… io + grande …confermo ……ammetto che la lontananza pesa ma ci incontriamo appena possibile a Seoul o su zoom e sempre ci scriviamo – ci amiamo molto ….e spero di realizzare con lui i miei progetti futuri

    1. Ciao Gloria mi ha incuriosito la tua esperienza; anche io non sono giovanissima e vorrei tanto conoscere un coreano! Ho una passione X la loro cultura sin da bambina. Non saprei da dove iniziare come posso fare? Provo a scriverti con la speranza di una rsp! Vorrei realizzare questo sogno questo desiderio che a breve dovrò abbandonare perché mi dicono che non riuscirò mai! Mah non si sa mai se ci sarà un po’ di (gloria) anche x me. Ciao e tanta serenità

    2. Ciao Gloria
      Pensavo di leggere la mia storia molto simile alla mia in tutto e per tutto .
      Mi piacerebbe scambiare due chiacchiere con te – grazie

  5. Io amo i coreani i BTS e il Hey pop🥰❤️ mi piace la musica e ballare contare ciao e tifo la JUVE 🖤🤍🖤🤍love🥰🍔amo il sushi 🍣 e sono molto amichevole e gentile❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *